Valutazione dei casi di studio: Utilizzo dei teli super assorbenti ULTRASORBS AP per il controllo dell’umidità

Il danno cutaneo associato all’umidità (MASD, Moisture-associated skin damage) descrive lo spettro del danno che si verifica in seguito  all'esposizione prolungata della pelle del paziente alla sudorazione, all'urina (Beeckman et al, 2015), alle feci o all'essudato della ferita (Grey et al, 2011). Se esposta a quantità eccessive di umidità, la pelle si ammorbidisce, si gonfia e si raggrinzisce (Dowsett and Allen, 2013). Inoltre, alcuni soggetti, come gli anziani, hanno dimostrato di avere una capacità ridotta di dissipare il calore in eccesso, e di conseguenza la loro pelle è maggiormente soggetta a riscaldarsi in risposta a determinati stimoli (Nagashima et al., 2003). Questi cambiamenti del microclima cutaneo portano, oltre all'eccesso di umidità, a una riduzione della resistenza alla lacerazione della pelle e della coesione intracellulare dello strato corneo, nonché un aumento del coefficiente di attrito cutaneo. Tali alterazioni cellulari provocano il fenomeno della macerazione cutanea (Reger et al., 2007). 

Supported by Medline

Translation